Circolare n.34 – Verifica impianto di messa a terra

412

Verifica impianto di messa a terra – obbligo del datore di lavoro di trasmettere il nominativo all’organismo incaricato all’INAIL.

 

L’art. 36 del Decreto Milleproroghe (DL 162/2019), in vigore dal 1° gennaio 2020, impone al datore di lavoro di comunicare tempestivamente all’INAIL competente per territorio il nominativo dell’organismo incaricato di effettuare le verifiche degli impianti di messa terra previste dal D.P.R. 462/2001.

La verifica di terra è obbligatoria in tutti gli ambienti di lavoro (attività artigianali, industriali, commerciali, di servizi, etc) in cui vi è la presenza di lavoratori subordinati e/o equiparati (D. Lgs 81/2008). Sono equiparati: i soci di lavoro, i soci di cooperative, gli allievi/studenti di scuole di ogni ordine e grado, ecc.

La periodicità della verifica è biennale per gli impianti di messa a terra installati nei cantieri, nei locali ad uso medico, negli ambienti a maggior rischio in caso di incendio e in luoghi con pericolo di esplosione ed è quinquennale per tutti gli altri ambienti che non rientrano nella precedente categoria.

L’omessa verifica di legge determina il rischio di:

  • sanzioni amministrative e/o penali (D.Lgs. 81/2008) a seguito di accertamenti da parte degli organi di vigilanza;
  • la perdita della tutela assicurativa INAIL nel caso di infortunio di origine elettrica (DPR 1124/65 art.10-11 rivalsa);
  • la revoca dell’agibilità, per le attività soggette a controllo dei VV.F., nel caso di incendio di origine elettrica;
  • la perdita dell’eventuale diritto al rimborso assicurativo privato.

Il costo della verifica che verrà applicato dall’organismo incaricato è quello individuato dal tariffario dell’Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ex ISPESL) del 7 luglio 2005 ed è valido a livello nazionale. La tariffa dipende dalla potenza installata (kW).

Le imprese interessate possono contattare la Dott.ssa Giulia Di Virgilio all’indirizzo email: g.divirgilio@conforma.basilicata.it oppure al numero 0971/0835.292931

Scarica la Circolare n.34 del 20.02.2020 e il tariffario

Stampa pagina

Comments are closed.